Diventa più Creativo dormendo e… fantasticando

15 04 2009
Sleeping by Paolo Tonon

Sleeping by Paolo Tonon

Steve Jobs definisce la creatività come “un semplice collegamento fra cose diverse…”

Più le cose che si collegano vengono da mondi lontani e apparentemente inavvicinabili, più si è fatto un lavoro creativo. Ma per fare un lavoro del genere bisogna avere delle basse barriere associative.
Come si può fare quindi ad abbassare queste barriere?

Il sonno aiuta la creatività

Il Dr Ellenbogen con una ricerca svolta ad Harvard è giunto ad una semplice conclusione. In un periodo di forte stress in cui la creatività viene a mancare, le persone dopo una buona dormita aumentano del 33% la possibilità di eliminare le barriere che dividono due mondi apparentemente inavvicinabili, dando così modo alle proprie capacità associative di creare collegamenti prima impensabili.
In poche parole dopo una sana dormita la nostra mente è più fresca e predisposta a lavori di questo tipo.

Fantastica, ma con attenzione

Anche fantasticare come dormire aiuta.
Sognare ad occhi aperti ci permette di pensare alle cose con una mente molto più rilassata e quindi ci permette come una sana dormita di raffrontare tutto da altre prospettive.
L’importante è non farsi trascinare troppo dai propri pensieri, bisogna tenerli focalizzati su qualcosa di preciso altrimenti ci si perde nei propri pensieri e basta🙂

E ora?

Ovviamente non basta questo per diventare tutto d’un colpo creativi.
Un po di talento e di passione ci vuole sicuramente…
Ma perchè non provare? In fondo si tratta solo di una dormitina…
Ciao io vado a letto.. ehm volevo dire in ufficio🙂

Questo articolo è stato scritto da Brian Clark per Lateral Action, qui trovate l’articolo completo.
Buona Giornata!!


Azioni

Information

One response

9 06 2010
Notizie dai blog su La mancanza di sonno non si recupera dormendo di più

[…] Diventa più Creativo dormendo e… fantasticando Sleeping by Paolo Tonon Steve Jobs definisce la creatività come “un semplice collegamento fra cose diverse…” Più le cose che si collegano vengono da mondi lontani e apparentemente inavvicinabili, più si è fatto un lavoro creativo. Ma per fare un lavoro del genere bisogna avere delle basse barriere associative. blog: iboi design | leggi l'articolo […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: